Collaudo dei requisiti acustici passivi di un appartamento in ottemperanza dell’art.3 della legge Quadro 447/95 e il suo decreto attuativo D.P.C.M.5/12/97.

In particolare si è fatto riferimento alla normativa UNI EN 140-5 per la determinazione dell’isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverbero.

Per la determinazione dell’isolamento acustico di partizioni dell’edificio si è fatto riferimento alla normativa UNI EN 140-4.

Per la determinazione dell’isolamento da rumore da calpestio si è seguita la normativa UNI EN 140-7.

Brevemente viene riportata la modalità operativa:

Nel locale ricevente si è misurato il TR e il rumore di fondo.

Nel locale emittente è stata posizionata la sorgente dodecaedrica, dopo aver effettuato le misurazioni di fondo e settato la sorgente ad un livelle estremante più alto rispetto al fondo misurato. Per ognuna delle due posizioni sorgente sono individuati 5 punti all’interno della stanza emittente e 5 punti nella stanza ricevente.

Per quanto riguarda l’isolamento da rumore di calpestio, è stata posizionata la macchina da calpestio nei 4 angoli della stanza a una distanza di 0,5 m dal muro (trattasi di stanza rettangolare) e posizionato a 45° rispetto alle travi.